Sconti! Laoureux: Scuola pratica del violino. Parte II - Le posizioni

Laoureux: Scuola pratica del violino. Parte II - Le posizioni

NE 14

Nuovo prodotto

Nicolas Laoureux, Scuola pratica del violino. Parte II - Le posizioni
Nuova edizione riveduta, corretta e ampliata da Vincenzo Tedesco

Recensione Rivista Musica

Maggiori dettagli

Disponibile

7,00 €

-50%

14,00 €

Scheda tecnica

TIPOLOGIA PRODOTTO:Prodotto editoriale
SUPPORTO PRINCIPALE:Supporto cartaceo stampato
FORMATO FISICO:Fascicolo
EDITORE/PRODUTTORE:Nuova Edizione
RESPONSABILITÀ PRINCIPALI:Laoureux, Nicolas
RESPONSABILITÀ SECONDARIE:Tedesco, Vincenzo (cur.)
TITOLO PRINCIPALE:Laoureux: Scuola pratica del violino. Parte II: le posizioni.
COMPLEMENTI DEL TITOLO (SOTTOTITOLO):Nuova edizione riveduta, corretta e ampliata da Vincenzo Tedesco
PRESENTAZIONE:Spartito
LINGUA ORIGINALE:francese
LINGUE TRADUZIONI O SOTTOTITOLI:italiano; inglese
PAGINE:58
DIMENSIONI:23,5 cm x 31,00 cm
ISMN:979-0-705044-14-0
EAN:9790705044140
CODICE ORIGINALE:NE 14

Dettagli

Nicolas Laoureux
Scuola pratica del violino
Parte II - Le posizioni
Nuova edizione riveduta, corretta e ampliata da Vincenzo Tedesco

Tra i metodi storici del violino non può mancare il Laoureux, frutto dell’attività didattica del violinista e compositore belga Nicolas Laoureux (1863-1945). Appartenente alla scuola franco-belga che ha segnato profondamente la storia del violino, Laoureux, dopo aver vinto nel 1886 il primo premio nella classe del celebre violinista Jenő Hubay al Conservatorio di Bruxelles, si dedicò all'attività cameristica, ma lo si ricorda soprattutto per i suoi diversi volumi sullo studio del violino.

Il primo metodo venne pubblicato nel 1907 dall’editore G. Schirmer e fu subito raccomandato dal Conservatorio di Bruxelles per gli allievi. Questa nuova edizione della seconda parte della Scuola pratica del violino, riveduta, corretta e ampliata dal violinista e docente di conservatorio Vincenzo Tedesco affronta lo spinoso problema dei cambi di posizione, una delle difficoltà che – se mal impostata – può compromettere il percorso del giovane violinista. Il metodo di Laoureux, pur avendo superato già i cento anni dalla sua prima pubblicazione, gode ancora di una eccellente popolarità, non solo nelle accademie italiane ed europee, ma in quelle di tutto il mondo.

Metodo essenziale, affronta prima il passaggio dalla prima alla terza posizione con brevi studi preparatori per poi concludere la sezione con studi di maggior respiro e un duetto. Seguono altre sezioni: una sulla seconda posizione; una sulle prime tre, infine quarta e quinta. Il metodo si conclude con degli studi riepilogativi su tutte e cinque le posizioni. In realtà il metodo – che Tedesco ha riveduto migliorando alcune diteggiature e aggiungendo degli esercizi sullo studio dei colpi d’arco – è impreziosito da esercizi che affrontano altre fondamentali problematiche (l'allungatura del quarto dito in terza posizione, la pratica dei suoni armonici, i bicordi d'ottava e le doppie corde in generale e i trilli).